Peak Lenin 7134mt

Contattaci

Spedizione alpinistica in Kyrghystan

Livello: buono
Partecipanti: 4-6
Dove: Kirghistan
Periodo: Estate
Giorni: 23 (incluso viaggio)
Date proposte
fine luglio, metà agosto
Costi
su richiesta scrivendo a travels@xmountain.it referente viaggi Luca Montanari
Prenotazione ed iscrizione
travels@xmountain.it
Tel. 348 1463700

Guida Alpina XMountain Luca Montanari : cell. 335 6857151

Prenota ora
Peak Lenin 7134mt

Il Peak Lenin è considerato un 7000 “facile” (a piedi e per la via normale), tuttavia si tratta sempre di una progressione su ghiacciaio e su cresta ad alta quota. Le insidie maggiori vengono dalla corretta valutazione delle condizioni (crepacci, pericolo di caduta di seracchi e valanghe) e dal tempo che può essere molto severo (freddo e vento forte).
Valgono poi le ovvie considerazioni sulla preparazione fisica e sull’acclimatamento adeguate ad affrontare un 7000 senza ossigeno.
Si accede alla montagna con un lungo volo fino a Bishkek, capitale del Kyrghyzstan e poi un avventuroso volo interno ad Osh, media città tipica dell’Asia Centrale, caotica e con un mix incredibile di razze . Da qui in una giornata di pista polverosa si arriva al Campo Base situato a 3600 m di fronte al versante nord della montagna.
Saliremo per la via normale che raggiunge la cresta Ovest al campo 3 a circa 6200 m di quota. Presenta difficoltà di tipo glaciale (seracchi, crepacci) e la cresta di misto (fattibile con ramponi e bastoncini, piccozza utile solo per un breve tratto – detto “the knife” – di ca. 100 m a oltre 40°, esposto, che può essere in ghiaccio).
Dal CB al C1 si sale a piedi (senza neve), poi dal C1(4300 m) alla vetta si sale su pendii di neve con crepacci. Il C2 si trova a circa 5300mt ed il C3 sulla cresta Ovest a circa 6400mt.
L’arrivo in vetta è su un ampio falsopiano, non è facile reperire il culmine.
Dalla vetta il panorama è mozzafiato a est verso il Tien-Shan (Pik Pobeda e Khan Tengri), il Kongur ed il Muztagh Ata nello Xinjiang, a sud e ovest verso le innumerevoli ed innominate vette del Pamir occidentale.
Le possibilità di salire e scendere con gli sci sono generalmente limitate al mese di luglio. Dopo, affiorano ampie zone di ghiaccio ed i crepacci sono molto aperti. La cresta Ovest può essere spazzata da forti venti e spesso è sciabile solo a tratti (per poca neve, sassi, e ghiaccio).
Per partecipare vi richiediamo un certificato medico di buona salute, un curriculum minimo di salite ed esperienze in alta quota.

Materiale

Il materiale tecnico sarà comunicato al momento dell'iscrizione.

Programma generale

Per l'organizzazione completa del viaggio contatta direttamente la guida alpina Luca Montanari.