Rimani in contattoIscriviti alla nostra Newsletter.

XMOUNTAINTrekking

Selvaggio Blu

Il trekking della Sardegna: mare, roccia e avventura - Into the wild

Selvaggio Blu calata in corda doppia
Selvaggio Blu il golfo di Orosei
Selvaggio Blu  blu

Spettacolare trekking della costa orientale sarda

Livello: Base

Partecipanti: min 5 max 7

Dove: Sardegna

Periodo: Primavera/Autunno

Giorni: 7

Date: 19-26 Aprile 2019  
17-24 Maggio 2019  

Costo: da € 750,00

Iscriviti/Contattaci

Info generali

Per chi vuole vivere una settimana nella natura incontaminata della costa orientale sarda, lontano dalla vita di tutti i giorni.

- Bivacchi alla “belle étoile” o in grotte a picco sul mare
- Escursionismo su sentieri esili e spesso poco evidenti, passaggi su roccia fino al terzo grado e calate in corda doppia su ottimi ancoraggi
- Superamento di “scale fustas”, spettacolari passaggi attrezzati nel passato dai pastori e carbonai per affrontare le pareti rocciose
- Bagno in mare quasi tutti i giorni

Programma generale

Primo giorno: ritrovo nel tardo pomeriggio A S. Maria Navarrese, preparazione degli zaini e del
materiale, cena in ristorante e pernottamento in struttura (appartamento/b&b/albergo).

Secondo giorno: dopo colazione si parte dal piccolo porto di S. Maria seguendo il comodo sentiero
che in circa 1 ora e 30 minuti conduce a Pedra Longa, spettacolare baia dominata dalla omonima
guglia rocciosa. Di qui, il sentiero prosegue verso la parete di Punta Giradili, la si supera tramite la spettacolare cengia, raggiungendo gli altipiani del Supramonte di Baunei e l'Ovile abbandonato di Sulpiggi, attualmente trasformato in bivacco parzialmente attrezzato. Accampamento, cena e pernottamento.

Terzo giorno: partendo dagli altipiani del Ginnirco, situati nelle quote più alte dell'intero itinerario, ci si dirige verso il mare, percorrendo il bordo di falesie alte fino a 300 m e a picco sul mare. Gradualmente si scende, superando Bacu (gola) Tenadili, grazie a provvidenziali “scale fustas” e si raggiunge la piccola ed incassata spiaggia di Porto Pedrosu. Bivacco e cena alla “belle étoile”, tra gli alberi all'interno della spiaggia.

Quarto giorno: in breve si raggiunge Portu Cuau, altra insenatura rocciosa nella quale si infila il mare cristallino. Si prosegue lungo la macchia mediterranea risalendo i versanti meridionali di Punta Salinas, tra le cui rocce sommitali si trovano incassati spettacolari ed antichi ovili in pietra e legno.
Da qui, il panorama sulla sottostante e ormai vicina Aguglia Goloritze è davvero mozzafiato! Scesi nella Codula Goloritze per un comodo sentiero, si raggiunge la stupenda spiaggia ai piedi dell'Aguglia. Cena e pernottamento sotto gli strapiombi rocciosi o sulle piazzole sopra l'arco roccioso sul mare.

Quinto giorno: il percorso si fa subito impervio ed obbliga al superamento di un paio di passaggi rocciosi (3°) per risalire il profondo canyon della Boladina. In seguito, la Serra Lattone e gli omonimi, stupendi ovili, offrono panorami spettacolari ed unici, fino alla discesa in doppia che conduce al grottone di Bacu Mudaloru. Ancora una buona ora di cammino in territorio quanto mai aspro e selvaggio per raggiungere la Grotta 5 Stelle, grande antro profondo una trentina di metri, ricco di concrezioni calcaree e di una provvidenziale riserva d'acqua. Perfetto luogo per la cena e bivacco per la notte.

Sesto giorno: La giornata parte in discesa...con una bella corda doppia! Subito sotto la grotta dà accesso ad alcune esposte cenge che, alternando brevi passaggi di arrampicata e un grande arco roccioso, portano a Bacu Tenadili, gola incassata che precipita sul mare: risalita la gola, raggiungiamo gli altipiani di Olobissi, dai quali si raggiunge il passaggio segreto di Sa Nurca (la Tana), stretto canyon nascosto dietro un'enorme scaglia rocciosa. Alcune doppie spettacolari danno accesso ai grandi boschi di Biriala e Oronnoro, poi ancora brevi arrampicate, altre due discese in corda ed ecco i boschi e la ormai tanto attesa Cala Sisine. Selvaggio Blu originale finisce qui, con rincorsa e bagno finale nello splendido mare di Sardegna. Tra poco arriverà il gommone che, costeggiando a lungo le scogliere percorse nei giorni precedenti, farà render meglio conto del percorso effettuato. Rientro in hotel per la tanto attesa superdoccia e cena finale in ristorante.
Pernottamento. (in appartamento/b&b/albergo).

Settimo giorno: in mattinata scioglimento del gruppo e fine dei servizi.

Informazioni su costi e date

Il costo comprende: Cene e bevande (acqua e vino), pranzi al sacco e colazioni, un pernottamento in rifugio, trasferimenti in pulmino e gommone in Sardegna, trasporti zaini, l’ingresso alla grotta del fico, l'accompagnamento da parte di una Guida Alpina e di un accompagnatore e l'attrezzatura alpinistica necessaria.

Il costo non comprende: Volo aereo o traghetto

Come iscriversi: versamento di un caparra del 50% (bonifico o contanti) entro 7 giorni dall'inizio dell'attività. Saldo ad inizio attività.

Materiale

Scarponcini da trekking, zaino, materassino, sacco a pelo. Imbragatura, casco, cordino, longe, discensore e moschettoni. Una tenda ogni due persone. Per chi fosse sprovvisto del materiale tecnico, XMountain puo’ fornire quanto necessario.